Domande Frequenti

Si può entrare nel castello di Illasi?

L’accesso al castello di Illasi, in quanto edificio non visitabile, non è consentito al pubblico.

QUALCHE INFORMAZIONE IN PIU’

Dal punto di vista edilizio il castello di Illasi si articola secondo un modello di organizzazione distribuita: mastio ovvero residenza castellana affiancato dal cassero dormitorio delle milizie.

In esso predominano le forme dell'impostazione originaria altomedioevale, particolarmente evidente nella cinta ad andamento pressoché ellittico, per circoscrivere la sottostante collina ospitante, oggi, villa Perez Pompei Sagramoso ed il ristorante Le Cedrare. Ben curate sono, qui, le tecniche murarie di realizzazione delle strutture del mastio e del cassero, sia per la finitura dei paramenti esterni che per la qualità dell'apparecchio delle murature, tutte dello spessore medio di circa tre metri, realizzate con grandi conci rettangolari di tufo duro.

Altro 32 metri, il mastio possiede una pianta quadrata di 10 metri di lato, con un alto zoccolo scarpato ( l'originaria inclinazione è stata modificata dalla riparazione cinquecentesca), destinato a cisterne, magazzino e servizi vari. Sembra preesistere alla trasformazione scaligera, cui probabilmente si deve, in particolare, il grande cassero che lo affianca. L'accesso si presenta a quota elevata; e le finestrelle sono numericamente scarse e arcuate a tutto sesto.

Il cassero, costruito a poco più di 15 metri di distanzia dalla torre, unito al mastio da una cortina che si distacca dall'altra all'altezza della torricella di sostegno, presenta anch'esso un accesso elevato su di uno zoccolo altro circa 8 metri, di base rettangolare (20x25 metri), con un'altezza di 26 metri, suddiviso su due piani. E' coronato con merlature attorno ad un terrazzo sommitale, praticabile.

La cinta è contraddistinta anche da una sola porta d'accesso, sul lato meridionale, e non esibisce alcuna torricella di sostegno sporgente oltre il filo del muro esterno.